Foggia, rischio di elettrosmog a Volturino ora osserva la Commissione europea

E’ quanto emerso in occasione della discussione di oggi all’Europarlamento

Elettrosmog di Volturino: ordinanza di rimozione di antenne e tralicci

La Commissione Ue ha messo sotto osservazione il rischio di elettrosmog segnalato a Volturino, in provincia di Foggia, è attende una nuova valutazione scientifica della situazione. E’ quanto emerso in occasione della discussione del caso svoltasi oggi alla commissione Petizioni dell’Europarlamento.

La rimozione delle antenne abusive a Volturino per salvaguardare la salute dei cittadini è stata chiesta agli europarlamentari da Antonio Gagliardi, presidente dell’associazione Elettrosmog Volturino, che si occupa di combattere l’inquinamento elettromagnetico da antenne radiotelevisive. Gagliardi denuncia l’elettrosmog causato dalla proliferazione dei tralicci abusivi (oltre 200) sulla sommità di un insediamento urbano di circa 2.000 abitanti.

Nonostante l’ordinanza del sindaco che ne impone la demolizione, la situazione non si è ancora sbloccata e questo avrebbe portato un grave danno per la popolazione da 35 anni esposta alle radiazioni: indagini epidemiologiche elencano insonnia, tumori, diabete e cardiopatie tra le conseguenze.

Il rappresentante della Dg Salute della Commissione europea ha ricordato che spetta alle autorità nazionali esaminare i limiti all’esposizione all’inquinamento elettromagnetico e che Bruxelles è in attesa di un nuova valutazione scientifica, perciò la petizione resta aperta.

Un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...