Il Palermo batte il Foggia al Barbera. Decide un gol di Valente al 10′ dalla fine

serie c, Palermo, Calcio
Il Foggia torna in campo dopo più di 20 giorni. Al Renzo Barbera, il Palermo ospita i rossoneri, falcidiati dal Covid-19. A guidare i pugliesi è Mister Cau, che sostituisce Marchionni squalificato. La formazione è stravolta dalle assenze: i rossoneri non dispongono di Germinio e Del Prete infortunati, e di altri calciatori ancora positivi al Covid-19. Tra tutte pesano particolarmente le assenze di Garofalo e Morrone a centrocampo e di D’Andrea in attacco. Nonostante ciò, Cau si affida al 3-5-2: Fumagalli; Anelli, Gavazzi, Galeotafiore; Kalombo, Vitale, Said, Rocca, Di Jenno; Curcio, Dell’Agnello.
Filippi risponde con un 3-4-2-1 orfano di Lucca, punta di diamante dei rosanero, ma nel quale spicca Floriano, ex della partita.

Il Foggia gioca il primo pallone della gara, ma è il Palermo a rendersi subito pericoloso con Floriano che conclude a giro dopo una serpentina. Al 9′ Vitale impegna Pelagotti con un tiro sul primo palo, dopo una discesa poderosa di Kalombo sulla fascia. Al 20′ i padroni di casa tornano ad affacciarsi nell’area rossonera e Rauti con un’incornata spedisce il pallone fuori di poco. La gara procede a ritmi blandi e Curcio cerca di sbloccarla con una punizione chirurgica. Ancora una volta, però, Pelagotti risponde presente. Un minuto dopo si ripete il duello tra il 10 rossonero e il numero 1 rosanero: anche in questo frangente Pelagotti si fa trovare pronto e respinge un tiro potente del fantasista rossonero. Nei minuti finali i padroni di casa cercano di passare in vantaggio, ma non creano particolari problemi alla difesa del Foggia. All’intervallo il punteggio è sullo 0-0.

Il Palermo inizia con più convinzione il secondo tempo e al 46′ Gavazzi riesce, solo con un fallo che gli costa l’ammonizione, a fermare la corsa di Rauti. Floriano sembra essere in palla e lo dimostra al 57′ quando semina il panico nell’area rossonera: il suo tiro viene, però, murato dal capitano del Foggia. Al 72′ Odjer recrimina un calcio di rigore, ma l’arbitro non è dello stesso avviso. Al 74′ Fumagalli si distende e ribatte una conclusione potente di De Rose. All’81’ cambia il parziale: il Palermo passa in vantaggio grazie ad una conclusione sul primo palo di Valente, che non lascia scampo al portiere del Foggia. I rossoneri non riescono a riportarsi in parità, nemmeno nel corso dei cinque minuti di recupero. La gara termina 1-0.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...